RaxleSe avete un cellulare in cui è possibile inserire applicazioni Java e con GPRS o UMTS (non solo gli smartphone sono in grado ormai… basta un telefono normalissimo come ad esempio il Nokia 3220 o simili) potete usare questo bel programma italiano: Raxle.
A prescindere dal vostro operatore telefonico, Raxle vi permette di inviare SMS dal cellulare sfruttando uno a scelta dei servizi che fanno mandare messaggi gratuitamente da Internet: al momento supporta l’accesso a RossoAlice, Vodafone, TIM.it, TIN.it e 190.it.
L’idea è semplice e geniale: il programma si collega al server di Raxle utlizzando una quantità di banda irrisoria (il consumo, infatti, in termini di trasferimento di dati, corrisponde in media ad un costo di 1 centesimo o anche meno per ogni invio, considerati gli attuali prezzi dei vari gestori) e invia il testo del messaggio, il destinatario e il servizio che si vuole utilizzare; questi dati vengono incanalati presso il sito di quel servizio, che invierà il messaggio proprio come fosse stato inviato dalla tastiera del proprio PC di casa connesso a Internet.
In parole povere Raxle è un’intefaccia “mobile” per questa moltitudine di servizi. Il numero di messaggi inviabili ogni giorno (e il loro buon funzionamento, ovviamente) dipende dal servizio che si sfrutta, ed è come facilmente intuibile del tutto identico all’invio da PC.
Se si è registrati ai servizi online di Vodafone addirittura i messaggi vengono inviati con, come mittente, il proprio numero di cellulare, e senza altre diciture pubblicitarie nel testo del messaggio, quindi sono anche “visualmente” identici a dei normali SMS inviati dal telefono, e chi li riceve può rispondere direttamente al mittente con il comando rispondi del cellulare. Una bella idea 😉

Aggiornamento del 17 Giugno 2009:
Raxle è stato sostituito dal nuovo progetto SKEBBY

2 comments on “SMS a 1 centesimo dal proprio cellulare

  • bello …per chi non ha tre…..e chi lo ha?? cosa fa???? non c’è nulla che mi permetta di mandare sms in cambio di mms o sms di pubblicità?????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *